Logo saveriani - Italia
  • Home
  • Parma
  • L'Avvento, Ma... Come è nato? Cosa ci dice?

L'Avvento, Ma... Come è nato? Cosa ci dice?

06 Dicembre 2017

L'Avvento, Ma... Come è nato? Cosa ci dice?

La storia dell'avvento!

Un incidente storico ha contribuito alla formazione e allo sviluppo finale dell'Avvento come lo abbiamo oggi. Per anni le Chiese dei popoli del territorio della Francia (Gallia) usarono i libri liturgici portati da Roma che vennero attraverso le Alpi dalle mani dei monaci e dei pellegrini che erano rimasti impressionati da ciò che vedevano a Roma. I governatori carolingi cercarono di romanizzare l'Impero per ragioni politiche e religiose.

Nel 754, Pipino, il predecessore di Carlo Magno, fu incoronato re del territorio francese da Papa Stefano II (III) (752-757). Per celebrare l'evento, il Papa ordinò che i libri liturgici in uso in tutto l'Impero fossero sostituiti da quelli di Roma.

Di conseguenza, l'Avvento romano più breve (e non penitenziale) doveva essere copiato a mano e quindi, per un tempo più o meno lungo, queste due liturgie erano miste. Alcuni dei temi penitenziali dell'Avvento del Nord erano mescolati ai temi della Gioia, più breve dell'Avvento.

Carlo Magno che, come suo padre, rimase colpito da tutto ciò che era stato fatto a Roma, rimase nella stessa linea di azione di suo padre. Portò i libri da Roma nella sua biblioteca di Aquisgrana, dove servirono come base per le copie. Sfortunatamente, i libri da lui portati alla luce descrivono la liturgia papale più elaboratamente della liturgia delle Chiese parrocchiali di Roma.

Alcuino, consigliere di Carlo Magno, organizzò sostituzioni per le parti mancanti, con l'autorizzazione del re. Di conseguenza, la stessa miscela di liturgie continuò, questa volta né francese né romana.

avvento 1Nel decimo secolo la Chiesa di Roma andò in grave declino e raggiunse il caos, a causa degli abusi del governo. Chierici e laici persero interesse per la vita liturgica della Chiesa. Solo i nuovi monasteri cluniacensi riuscirono a mantenere vivo lo spirito religioso e associativo con il culto della Chiesa. Alla fine, sotto il comando degli imperatori ottomani, Roma iniziò a riformare le pratiche liturgiche indebolite, acquistando libri liturgici nei monasteri del Centro e del Nord.

I libri liturgici che erano stati portati a nord centinaia di anni prima non erano più gli stessi che ora hanno trovato. Tuttavia, la nuova liturgia fu presto considerata autenticamente romana. Per questo motivo divenne la liturgia di tutta la Chiesa medievale latina.

E così, un Avvento di quattro settimane con una certa mescolanza o confusione di penitenza e gioia, si diffuse da Roma alla Chiesa universale.

Il tema raccolto delle prime domeniche dell'Avvento è la continuazione dello stesso tema delle ultime domeniche dell'anno liturgico. In queste domeniche si pone l'enfasi sulla fine dei tempi e sulla consumazione di tutta la storia. Nella seconda e terza domenica di Avvento, Giovanni il Battista predica la penitenza, e l'ultima domenica il tema finale dell'Incarnazione inizia con il fatto dell'Annunciazione.

Il tema penitenziale durante l'Avvento è stato più evidente fino a tempi relativamente recenti.

La tradizione del digiuno arrivò fino al Canon Law del 1917/18. Gli strumenti musicali sono stati evitati, il colore dei paramenti era viola, non c'era Gloria della Messa e i matrimoni erano proibiti. Con alcune modifiche, queste tradizioni continuano ancora, ma senza lo spirito di penitenza rigorosa. Alcune tradizioni religiose durante il mese di dicembre sono direttamente associate ai temi dell'Avvento, ma altre sono già parte della celebrazione del Natale.

Le tradizioni dell'Avvento riflettono lo spirito dell'attesa che cresce gradualmente.

avvento 2Probabilmente la tradizione più popolare del tempo di Avvento oggi è quella delle candele che avvengono, dalla domenica alla domenica, sia nelle chiese che nella casa di ognuno che desidera farlo. Questa usanza ebbe origine nei luterani di Germania nel XVI secolo e presto divenne popolare in altre zone.

Insieme agli alberi di Natale, è probabilmente un esempio della cristianizzazione delle pratiche popolari dei tempi pre-cristiani, in cui le lampade o le candele venivano accese e i falò venivano fatti verso la fine di novembre e all'inizio di dicembre nelle terre della Germania dove l'oscurità dell'inverno che si stava avvicinando, divenne molto severo. Questa tradizione ha raggiunto i nostri tempi.

La tradizione di organizzare un Bouquet o una Corona d'Avvento, dal 1500 in poi divenne una tradizione di simbolismo cristiano, prima tra i luterani tedeschi nella parte orientale della Germania e successivamente tra i cattolici tedeschi e i protestanti. Successivamente è stato portato nelle Americhe dagli emigranti del 1900, quando era già molto popolare tra i cattolici come parte del movimento liturgico. Questa corona d'avvento, che può essere di qualsiasi misura, è posta sul tavolo o appesa al soffitto. Ci sono quattro candele, una per ogni settimana dell'Avvento. Il colore delle candele non è essenziale perché il più importante è il simbolismo della fiamma. Tuttavia è l'uso popolare che sono tre di colore viola e uno di colore rosa, che sono ancora oggi i colori dell'Avvento.

Il colore della rosa è quello usato nella terza domenica, chiamato Gaudete (rallegratevi), a causa della prima parola dell'Antifone all'ingresso della messa. Nella Chiesa si usa la stessa tradizione con le quattro candele decorate e disposte in una sorta di trono con molti verdi e fiori, e ogni domenica uno di essi si illumina prima della celebrazione della Messa. Questo è il simbolismo che in ogni settimana di Avvento, l'oscurità è dissipata e il tempo diventa più chiaro, più luminoso.

È anche il simbolismo di una vittoria e una gloria. C'è, quindi, un simbolismo di transizione dall'oscurità alla luce che rappresenta tutto quel tempo, in cui il Popolo di Dio attese il Messia promesso, che era la luce del mondo.

avvento 3Storicamente il Messia arrivò, essendo nato nella grotta di Betlemme; misticamente atteso nell'Avvento e arriva ogni Natale di ogni anno, e così accadrà alla fine dei tempi, come una chiamata alla conversione della vita e alla ragione per un arricchimento della grazia.

Pertanto, ogni Avvento è uno speciale luogo liturgico per tutti i credenti per aprire più pienamente i loro cuori all'Amore di Dio e alla Salvezza Eterna offerta da Gesù Cristo a tutta l'umanità disposta a riceverlo.

Dal 1 ° dicembre 1974, ogni domenica di Avvento ha la precedenza su tutte le feste e le feste del Signore secondo il nuovo calendario liturgico. Riguardo alla Liturgia dell'Avvento, il Catechismo della Chiesa Cattolica ci dice: 524. Nel celebrare ogni anno la Liturgia dell'Avvento, la Chiesa attualizza questa aspettativa del Messia. Venendo nella lunga preparazione alla prima venuta del Salvatore, i fedeli rinnovano il fervido desiderio della Sua seconda venuta.

Con la celebrazione della nascita e del martirio del Precursore, la Chiesa è unita al suo desiderio: "Deve crescere e io devo diminuire" (Giovanni 3:30).


Prossimi eventi

  • Mostra d’Arte Africana, Fino al 17 dicembre 2017
  • Incontro Mensile GAMS di Cremona
  • Presentazione Libro: Nel Nome dell'Umanità

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy. Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.