Logo saveriani - Italia

Gruppo Amici Missionari Saveriani

Ascoltiamo... Le socie o i soci raccontano la “loro” storia del Gams [Gruppo Amici Missionari Saveriani] partendo da alcune semplici domande di base con risposte a ruota libera... 

Abbiamo chiesto loro:

Come hai conosciuto i Missionari Saveriani? Ed il GAMS?

Perchè sei socia del GAMS? Che cosa ti ha attirato in questo gruppo?

Come lo vedi e come lo vorresti?

 

La Signora Paola - membro del GAMS da molti anni - ci rispose così:

Ho avuto la fortuna di conoscere i saveriani fin da piccolina.
Abitavamo in un paese della provincia e i nostri padroni di casa erano molto legati all’Istituto. Mandavano in missione, via nave, le maglie e i mutandoni di lana e immagino che le spedissero in Cina perché il mio ricordo risale a prima degli anni cinquanta e io ero ancora molto piccola (sono nata nel '43). Mandavano anche delle grosse “micche” di pane che dopo i lunghi viaggi arrivavano in briciole ma erano sempre bene accette, perché là il pane e poi così bianco non esisteva e quei poveri ragazzi ne soffrivano la mancanza.

GAMS PaolaQuando i missionari tornavano dalla missione venivano a visitare gli amici benefattori. Erano ancora vestiti con gli abiti lunghi e neri, me lo ricordo bene e a me sembravano persone molto importanti come lo era il nostro parroco del paese che era vestito come loro.
Si sedevano tutti attorno alla tavola e loro raccontavano, raccontavano con il viso che si arrossiva per l’emozione. Io ero affascinata e stavo in un angolo zitta per paura che mi mandassero via.

La mamma era iscritta alla Associazione “In Omnibus Christus” da anni e io bevendo il suo latte devo aver assorbito anche la sua passione per i missionari.
Quando io avevo 16 anni siamo venuti ad abitare in città in Viale Duca Alessandro n. 88, praticamente a una manciata di passi dall’Istituto.
La malattia del papà, la scuola e poi i primi anni di lavoro e gli amori giovanili mi avevano fatto dimenticare i saveriani anche se sapevo che la mamma era rimasta fedele.

Poi….un contatto, un incontro, ma niente di importante anche perché io mi ero un po’ allontanata. Col tempo è nata l’amicizia con qualche padre che in momenti di crisi mi ha aiutata molto, ma questa è un’altra storia.
Sono entrata a far parte ufficialmente del GAMS (aveva cambiato nel frattempo il nome) spontaneamente senza essere sollecitata, negli anni ottanta quando era Assistente padre Carlo Pozzobon e Presidente Maria Teresa Tanzi.

Non conoscevo ancora a fondo il loro carisma, il loro stile di vita, la loro spiritualità ecc, ma poco a poco leggendo e condividendo tanti momenti con loro ho sentito che poteva diventare anche il mio stile di vita (nel frattempo anche la fede era diventata più consapevole) e così è nata la mia vocazione missionaria e il mio impegno nel Gams.

In quel tempo attraversavo un momento difficile e nel GAMS mi sono sentita accolta e desiderata.
Il clima gioioso e sereno mi ha fatto subito stare bene, come in famiglia.
Gli studenti erano, come ora, molto affettuosi con tutte noi e ancora adesso, dopo tanti anni, sono rimasta in contatto con tanti di loro che sono in missione.
La conoscenza di tanti padri ha dato inizio alla corrispondenza epistolare (altra mia passione) con molti di loro.

Quando rientrano in Italia o passano dalla Casa Madre è bello ritrovarsi! La simpatia, l’affetto, la confidenza, dopo qualche minuto sembra di non essersi mai lasciati. Molti di loro conoscono la mia cucina, perché ho cominciato ad invitarli, assieme a qualche amica, per delle cene che io chiamo missionarie o anche cenacoli.

GAMS incontroPoi ci sono le Messe con i padri e gli studenti, momenti di approfondimento missionario e spirituale, di condivisione fraterna, di festa, qualche gita assieme per rafforzare l’amicizia. Ogni giorno ringrazio il Signore per il dono ricevuto.

Venendo ad oggi…….sarebbe bello, un sogno da realizzare: portare ventate di novità, di giovinezza. Qualche volta manca la fantasia, il coraggio, la capacità di cambiare, di testimoniare, di voltare pagina; gli anni certo non aiutano, qualche socia ci lascia, qualcuna si stanca, ma guardando alla vita di San Guido che nonostante le fatiche, le delusioni, le malattie, nei momenti più bui non si è mai scoraggiato e si è sempre fidato……perché preoccuparsi? Mettiamo tutto nelle mani del Signore!

Se Lui vuole…..tutto è possibile.

Non importa come io vedo o come vorrei vedere il GAMS, mi fido di Lui, lascio che sia Lui a guardarci, a preparare altre strade, a fare altri progetti che, magari, percorreranno altre persone.

(Sra. Paola Curti, membro del GAMS)


 Indirizzo: GAMS - Missionari Saveriani, Viale S. Martino 8, / 43.123 Parma - Tel. 0521.920.511 - Fax: 0521.920.502

Visita o Sito del "Gruppo Amici Missionari Saveriani - GAMS"


  • SULLA STORIA DEL GAMS

Um po' di Passato...GAMS Conforti

Mons. Guido Maria Conforti, fondatore dei missionari saveriani di Parma, aveva capito che nella sua Congregazione mancava ai suoi figli uno sguardo, una cura un'attenzione che fosse "materna".

Aveva capito che la donna ha, grazie al suo DNA, una sensibilità diversa rispetto all'uomo. Cominciò a pensare, forse a sognare. come sarebbe stato bello avere intorno qualche presenza femminile, discreta, ma attenta e costante. Il suo sogno si è avverato.
Si è formato, quando lui era ancora in vita, un gruppo di signore che pensavano a confezionare la "dote" per i partenti per la missione.

Naturalmente questo era l'impegno più visibile, ma credo che, fin da allora, li seguissero anche con la preghiera, il ricordo e con altre attenzioni.

Col tempo questo "gruppo" che stava crescendo di numero, verrà chiamato: Pia Associazione "IN OMNIBUS CHRISTUS" che era il motto episcopale del Conforti.
Il 1° giugno del 1936, qualche anno dopo la morte del Fondatore (1931) e per desiderio della Congregazione (p. Dagnino), il Vescovo Mons. Evasio Colli riconosce ufficialmente la "Pia Associazione in omnibus Christus" come aggregazione laicale diocesana. Allora era ancora formata esclusivamente da donne.

GAMS messa

Con gli anni, mentre il gruppo cresce e si aggiungono anche degli uomini, le attività subiscono qualche cambiamento (non c'è più nessuna che ricama o cuce), ma non è cambiato lo spirito di appartenenza e di amicizia attiva.

Negli anni 70, poi, si pensa che anche la denominazione, di difficile pronuncia, sia da aggiornare coi tempi (l'italiano, nella Chiesa dopo il Concilio, aveva ormai in gran parte sostituito il latino).

L'11 luglio 1970 nasce il "GRUPPO AMICI MISSIONARI SAVERIANI" - GAMS in breve - che dal 1986 compare anche nell'annuario diocesano fra le aggregazioni di apostolato dei laici.

Negli anni '80 o giù di lì la comunità della teologia ha composto una Canzone per il GAMS, “CIAO GAMS”:

Ciao Gams, / una canzone che si alza,
un cielo nuovo che si inventa, / mille colori che si incontrano, qui con voi
* Amici di sempre, con poche parole, / lavoro nascosto, ma sempre continuo.
La vita che passa con gioia e dolori, / e voi continuate a stare con noi.

Rit. Un grazie immenso a tutti voi / e siete tanti;
un solo cuore per i vari continenti, / e piano piano, insieme andiamo
a costruire un mondo / di pace e di giustizia,
testimoniare fra la tanta indifferenza / che siamo figli di un solo Padre. (bis)

Ciao Gams, / tanti ricordi nella mente,
fotografie che ci parlano / e la storia continuerà, qui con voi.
* Come dei fiori piantati nel mondo / che guarda la vita come un gran girotondo.
Sempre più in alto, sempre di più, / e dove noi siamo ci sei anche tu.

  • Nota: Mancano le note musicali. Sarebbe bello che qualcuno le riscrivesse!

(Ottobre 11, 2015)

Questo sito utilizza cookies per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione agli utenti, secondo la privacy, copyright & cookies policy
Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.