Logo saveriani - Italia

Una bellezza da conservare

Una bellezza da conservare
Google Plus

L’angolo di Gallico più conosciuto e amato è senza dubbio il Parco della Mondialità, annesso al santuario Madonna della Grazia, di cui, come si legge nel cartello posto all'ingresso, costituisce una continuazione.
La sua costruzione risale agli anni sessanta e da subito è diventato un punto di incontro non solo per i gallicesi, ma per tutti coloro che amano trascorrere ore tranquille al riparo dal trambusto cittadino.

Ideato da p. Aurelio Cannizzaro al rientro dalla missione nelle remote isole Mentawai, ha attratto soprattutto anziani e bambini, che vi hanno trovato grandi spazi in mezzo al verde. S’incontrano gli amici e   strutture ludiche per divertirsi. È il frutto della grande creatività del saveriano, che lo ha sottratto all'aridità del greto del torrente San Biagio, per restituirlo alla cittadinanza, quale testimonianza della bellezza del creato e del cammino evolutivo della civiltà umana nella sua diversità, rappresentato dai simboli culturali che vanno dalla preistoria, alle culture mediterranee e orientali.
Senza sminuirlo nella sua bellezza, il Parco oggi ha bisogno di interventi urgenti, per renderlo più sicuro e recuperare le parti deteriorate dal tempo e dalle intemperie, per evitare che diventi un problema.

Dopo cinquant’anni di gestione a cura della comunità saveriana, oggi il parco è affidato alla comunità somasca e il rettore, p. Gianni, senza soluzioni di continuità con la vecchia gestione, si impegna a mantenerlo attivo, sempre in comunione e in comunicazione con il territorio. Il Parco della Mondialità è stato, negli anni, palcoscenico di molte attività culturali e sociali e per l'estate si prepara ad accogliere tre importanti manifestazioni. La più che centenaria festa in onore della Madonna della Grazia in agosto, quest'anno, sarà arricchita da eventi supplementari in occasione del 150° anniversario della discesa della sacra icona a Gallico Marina (la prima processione risale al 19 agosto 1868). Dal 2 all'8 luglio si svolgerà la terza edizione della Xènia Fai Book, fiera del libro all'aperto, organizzata dalla casa editrice Leonida di Domenico Polito. Incentrata sempre sulla tematica dell'accoglienza, perfettamente in linea con l'ideale della mondialità che si respira nel parco e con la storia di Reggio Calabria che, dal centro del Mediterraneo, ha da sempre intessuto una relazione di reciprocità con popoli diversi (scambi economici e meticciamento culturale), la fiera ospita rinomate case editrici regionali e non solo, esponenti del mondo della cultura, della politica e del giornalismo.

Ancora in agosto (da lunedì 6 a venerdì 10), l’associazione Alba Phoenix, diretta dalla prof.ssa Marinella Catalano, presenterà la seconda edizione della rassegna teatrale in dialetto "In scena sotto le stelle". Parteciperanno la compagna Alba Phoenix, la Bottega di Giangurgolo (diretta da Oreste Arconte), l'Associazione Francesco Amendola, il Gruppo Angelo Barbaro (diretto da Andrea Saraceno) e i "Funamboli Plus" di Melito (diretta dal signor Maisano).

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy. Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.