Logo saveriani - Italia

“Il Signore è con te”

“Il Signore è con te”
Google Plus

Il signor Nogami, che ora ha 84 anni, è una delle più belle presenze di “cristiano” che abbia incontrato nella mia vita. Ecco la sua testimonianza da Izumi (Osaka), in Giappone.

Negli ultimi versetti del vangelo di Matteo, Gesù affida ai suoi discepoli la missione di andare nel mondo per ammaestrare tutte le genti e battezzarle. Termina con questa solenne promessa: “Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”.

Come cristiani, sappiamo che questa promessa di Gesù è vera. Forse la prova più alla portata di tutti è la presenza di Gesù nell’Eucarestia, dono che riceviamo ogni domenica. La nostra fede si fortifica e ci sentiamo spinti a continuare la missione di annunciare a tutti la buona novella. Penso sia una grande grazia non solo sapere e credere a questa presenza, ma anche poter “sentire” e “fare esperienza” di questa comunione con il Signore nella vita di ogni giorno.

La morte di mia moglie

Dopo la morte di mia moglie, per quasi sei anni mi pareva di non riuscire a sentire la presenza del Signore né a pregare davvero. Era sempre presente il ricordo di mia moglie, ero in ansia per la sua salvezza e mi sentivo in colpa per non poter pregare con cuore libero. Ricevendo il sacramento della Riconciliazione, parlavo anche di questa mia incapacità che mi faceva soffrire. Il presbitero mi invitava ad aver pazienza e a confidare nell’aiuto di Dio. Ma il buio e la sofferenza continuavano.

Finalmente, un giorno un presbitero mi disse: “Va bene così. Questo tempo ti è stato dato dal Signore perché tu pregassi per tua moglie. Sii sereno. Offri al Signore quello che hai nel cuore e sta in pace perché il Signore è con te”.

Una certezza luminosa, fonte di pace

“Il Signore è con te”… quanta luce da queste parole, quanto conforto e pace! È stata una scoperta! Dio era sempre stato con me ed io me ne stavo dimenticando! È stata un’esperienza forte e intensa. Scomparse tenebre e sofferenza, finalmente ho sentito la certezza della presenza del Signore e l’ho sperimentata con tutto me stesso, corpo, mente e cuore, come mai era avvenuto prima. Era una certezza tranquilla e luminosa.

Forse, proprio perché il tempo del buio è stato lungo e sofferto, sento ora quanto sia grande il dono ricevuto. Mi infonde coraggio. So che il Signore ci consola, perché possiamo a nostra volta consolare i fratelli. La missione dell’annuncio è affidata a tutti noi e l’annuncio non può che portare conforto.

                          Nogami Yasumitsu

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy. Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.